SEI IN > VIVERE CESENA > SPETTACOLI
comunicato stampa

Un autoritratto di Ligabue in esposizione nel foyer del Teatro Carani

2' di lettura
14

Questa settimana, il Teatro Carani di Sassuolo offre un doppio appuntamento con Antonio Ligabue, pittore italiano tra i più importanti del XX secolo.

Oltre allo spettacolo, tutto esaurito, “Un Bès - Antonio Ligabue” di Mario Perrotta in programma giovedì 18 aprile, i visitatori avranno l'opportunità, dal 18 al 20 aprile, di ammirare nel foyer un autoritratto originale dell’artista di Gualtieri, di cui si dispone per gentile concessione di Sergio Negri e del figlio Francesco, curatori dell’autenticazione e dell’archiviazione delle opere dell’artista.

“Abbiamo scelto di esporre l’autoritratto di Antonio Ligabue - commenta Federica Benedetti, curatrice del progetto - all’interno di un teatro in cui va in scena il racconto della biografia del pittore di cui ammiriamo l’opera, che dunque ha modo di prendere vita qui e ora grazie all’attore che le presta corpo e voce, riconciliando nel presente la frattura temporale che caratterizza questo genere artistico”.

L’autoritratto non è solo una questione di autorappresentazione, ma anche di ricezione dell’immagine da parte degli osservatori, collocandosi così in una zona di confine tra due dimensioni temporali: il passato in cui il pittore si è ritratto, il futuro in cui di quel ritratto si fruisce.

L’autoritratto implica una riflessione sulla propria identità e sulla sua restituzione a livello anche sociale, dinamica particolarmente significativa per artisti che si collocano ai margini dalla collettività, come è stato nel caso della tormentata vicenda umana di Antonio Ligabue.

Il confronto con un autoritratto sollecita poi interrogativi sulla pratica diffusissima, a tratti ossessiva, del selfie e dell’autopromozione della propria immagine. Che cosa vogliamo comunicare noi, spettatori e attori delle nostre vite virtuali, quando ci ritraiamo e condividiamo una certa versione di chi siamo?

È possibile ammirare il dipinto nel foyer del Teatro Carani di via Mazzini a Sassuolo giovedì 18 aprile dalle 15:30 alle 19:00, venerdì 19 dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:30 alle 19:00, sabato 20 dalle 9:00 alle 13:00. L’ingresso è libero.

“C’è un parallelismo tra l’autoritratto e il personaggio di Perrotta - conclude la curatrice – il primo chiede di essere guardato, il secondo di essere ascoltato. L’attore dà voce al pittore di cui guardiamo il volto, riuscendo, con la sua performance, a costruire un rapporto empatico tra il pubblico del teatro e un artista la cui vita è stata per tanta parte sradicamento e solitudine”.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito web www.teatrocarani.it





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-04-2024 alle 08:32 sul giornale del 17 aprile 2024 - 14 letture






qrcode