SEI IN > VIVERE CESENA > ATTUALITA'
articolo

Dal Campus all’Abbazia del Monte, bici rubata all'Università ritrovata dagli agenti della Polizia Locale

2' di lettura
54

Occhi aperti sulle bici. Nelle settimane scorse una bicicletta dell'Università di Bologna contrassegnata dalla scritta rossa "Almabike" era stata segnalata alla Polizia Locale perché da settimana era posteggiata nel piazzale Pio IX di fronte alla Basilica del Monte, ben legata a un palo dell'elettricità con un lucchetto. Dopo essersi accertati della presenza del veicolo, gli agenti della Polizia Locale di Cesena hanno contattato l'Ateneo scoprendo che si trattava di un mezzo oggetto di furto.

A quel punto, supportati dal pronto intervento dei Vigili del Fuoco, gli agenti hanno rimosso la bici restituendola al legittimo proprietario.

"Questa piccola ma significativa operazione – commenta l'Assessore alla Sicurezza Luca Ferrini – è riuscita grazie all'impegno del neo-costituito ufficio oggetti rinvenuti che, dopo aver ricevuto la segnalazione, ha svolto gli accertamenti, contattato il Campus cesenate ed effettuato i sopralluoghi necessari all'attività di recupero. Il tutto rientra nel progetto 'Bici sicura' avviato dalla nostra Polizia Locale con lo scopo di divulgare i metodi più efficaci di prevenzione al furto attraverso consigli di comportamento e tramite sistemi di identificazione dei mezzi stessi. Nel corso di queste settimane infatti non sono pochi i cittadini che si sono recati al Comando di Via Dell'Amore per riconoscere il proprio mezzo oggetto di furto presentando elementi che lo identificano".

Al momento della restituzione dell'Almabike al legittimo proprietario erano presenti la Vice Comandante per la Polizia Locale Laura Gennaretti, che ha condotto l'operazione, e il CUSB - Centro Universitario Sportivo Bologna.

"Ringrazio il Comune e in particolare la Polizia Locale – commenta il presidente del Campus di Cesena Massimo Cicognani – per 'Bici sicura' progetto con cui si impegna a contrastare il fenomeno del furto. La bicicletta ritrovata fa parte di un progetto, attivato nel 2021, che mette a disposizione degli studenti e del personale dell'ateneo 600 citybike. Alcune di esse sono dotate di sensori in grado di rilevare la qualità dell'aria, il rumore e i parametri ambientali e fanno parte di un progetto di ricerca, condotto da DICAM - unità di ricerca Strade e ATES in collaborazione con il Technion - Israel Institute of Technology".



Questo è un articolo pubblicato il 02-03-2023 alle 10:50 sul giornale del 03 marzo 2023 - 54 letture






qrcode