Camera di Commercio: rinnovato il Comitato per l’imprenditoria femminile di Forlì-Cesena

5' di lettura 29/05/2014 - Martedì 27 maggio, alle ore 17,00, alla Camera di Commercio di Forlì-Cesena, si è insediato il Comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile di Forlì-Cesena, organismo istituito dalla Camera di Commercio e rinnovato dalla Giunta dell’Ente per il quinquennio 2014-2018.

Il Comitato è composto da 16 membri effettivi, in particolare le donne presenti nel Consiglio Camerale e rappresentanti delle associazioni imprenditoriali di categoria, nominati dalla Giunta in modo da rispecchiare i settori produttivi rappresentati nel Consiglio Camerale. A loro spetta il compito di promuovere e sostenere le imprese femminili, ruolo importante che mira a favorire l’imprenditorialità, l’occupazione, la formazione, potenziando le capacità competitive dell’universo femminile.

Queste le componenti:

- Consiglio Camerale Artigianato Annalisa Raduano Vice Presidente Vicario Camera di Commercio FC

- Consiglio Camerale Agricoltura Mara Biguzzi

- Consiglio Camerale Industria Magalì Prati

- Consiglio Camerale Commercio Delia Canali

- Consiglio Camerale Artigianato Lorena Fantozzi

- Consiglio Camerale Commercio Patrizia Greco

- Consiglio Camerale Servizi alle imprese Catia Ridolfi Presidente CIF

- Consiglio Camerale Servizi alle imprese Paola Sansoni

- Consiglio Camerale Industria Rossella Tassinari

- Commercio Cinzia Semeraro

- Commercio Francesca Giardullo

- Commercio Stefania Bartoletti

- Artigianato Patrizia Carpi

- Cooperazione Maurizia Squarzi

- Agricoltura Monica Rapellini

- Agricoltura Maria Antonietta Censi

Alla presenza di Alberto Zambianchi, Presidente della Camera di Commercio, il Comitato ha scelto il proprio Presidente, nominando all’unanimità Catia Ridolfi, Presidente di Idrotermica Coop. di Forlì. Le funzioni di segreteria sono affidate ad Alessandra Roberti e ad Alessandra Bonoli, dell’Ufficio Promozione Interna dell’Ente camerale. Questo organismo, che può considerarsi un punto di riferimento istituzionale al servizio di tutte le imprenditrici, o aspiranti tali, del nostro territorio, predispone annualmente un programma di azioni, proponendo alla Giunta camerale iniziative mirate per una più ampia presenza femminile nel sistema imprenditoriale, attraverso varie attività e un più facile accesso al credito.

Rientrano inoltre tra le azioni previste, le collaborazioni con il mondo dell’istruzione e della formazione, fra cui scuole, università, istituti di ricerca, per promuovere progetti innovativi che favoriscano le pari opportunità. Infine, il fatto di essere inserito all’interno del sistema camerale costituisce un punto di forza per il Comitato, operando con metodologie orientate allo scambio di esperienze, nell’individuazione di azioni comuni dentro la “rete”.

“Mi complimento con tutte le componenti che fanno parte del rinnovato Comitato – dichiara Alberto Zambianchi – L’augurio è che possano svolgere un’attività intensa per sostenere, secondo le linee strategiche della Camera, il ruolo della donna all’interno del mondo produttivo ed economico. Faticosamente, ma sempre con maggiore intensità, tale ruolo sta trovando conferme ed apprezzamenti, grazie, in particolare, alla tenacia, alla determinazione, alle professionalità e competenze che contraddistinguono la figura delle moderne imprenditrici. Riteniamo che questo territorio possa giovarsi della loro esperienza per far ripartire la crescita che necessita dell’intraprendenza e della collaborazione tra tutte le forze attive.”

“Ringrazio per la fiducia riposta - dichiara la neo eletta Presidente CIF – e sottolineo come le imprenditrice siano, prima di tutto, “Imprenditori”, ma con le competenze e le capacità relazionali che derivano dalla sensibilità femminile, doti che, tramite le attività del Comitato, intendiamo sviluppare e diffondere come fattore competitivo di crescita. Nella prossima riunione, che sarà a breve, svilupperemo progetti di taglio operativo e di concreta utilità”.

Dai dati elaborati dall’Ufficio Studi della Camera di Commercio di Forlì-Cesena risulta che al 31/12/2013 sono attive 8.507 imprese femminili (intendendo come tali, per semplificare, le imprese in cui il titolare o amministratore è donna, o la percentuale di partecipazione femminile al capitale sociale o al ruolo di socio è superiore al 50%), su un totale di 38.773 imprese, che corrispondono al 21,9% del totale; tale incidenza è lievemente superiore a quella regionale (21,4%), ma inferiore a quella nazionale (24,3%). Per quanto riguarda la disaggregazione per settore di attività, in provincia il 27,1% delle imprese femminili appartiene al commercio ed il 17,9% all’agricoltura.

Seguono, in ordine di importanza, le “altre attività dei servizi” (11,4%), il settore degli “alberghi e ristoranti” (11,3%), il settore manifatturiero (8,6%) e le attività immobiliari (6,3%). Il comparto a più elevata presenza femminile risulta “altre attività di servizi” (comprendente attività quali lavanderie, estetiste, parrucchiere ecc..), con oltre la metà delle imprese (55,4%). L’analisi per natura giuridica mostra come il 63,8% siano imprese individuali, il 25% società di persone e solo il 9,5% società di capitali (anche se la loro incidenza è in aumento dall’8,9% del 31/12/2011).

Sono 106 le cooperative femminili (1,2% del totale delle imprese femminili). Il confronto col dato regionale e nazionale mostra nella provincia di Forlì-Cesena una minore incidenza delle società di capitali ed una maggiore delle società di persone rispetto al resto del territorio: infatti, le prime in regione sono il 13,4% e in Italia il 12,8%, mentre le società di persone sono rispettivamente il 21,1% e il 19,8%. Rispetto invece al grado di presenza femminile, cioè la percentuale di quote possedute da donne, sul totale delle imprese individuate come femminili, l’87,4% è a presenza “esclusiva”, il 9,7% “forte” e il 2,9% “maggioritaria”.

Con riferimento alla classe di anno di iscrizione delle imprese, si nota come la maggioranza delle aziende femminili sia nata nel periodo 1990-2009 (il 59,7%), analogamente all’andamento regionale e nazionale, con prevalenza di imprese ad esclusiva componente femminile.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-05-2014 alle 08:11 sul giornale del 30 maggio 2014 - 1087 letture

In questo articolo si parla di attualità, Camera di Commercio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/4ZH